Carissimi tutti,
un’altra entusiasmante opportunità di confrontarci e stare insieme ci viene offerta. Siamo certi che faremo di tutto per essere presenti. Vi aspettiamo!!!

locandina-isole-lamezia-terme
COS’È UMANESIMO ?

OGGI NE OCCORRE UNO “NUOVO”?

SIAMO ALLA FINE DI UNA STAGIONE DI VALORI CONDIVISI ?

ESPERIENZE E RIFLESSIONI PER UN PERCORSO DI EDUCAZIONE AD UN NUOVO UMANESIMO NELLA TRASFORMAZIONE SOCIALE ATTUALE. 

Uno dei fenomeni caratterizzanti lo sviluppo civile moderno è il progressivo distanziamento tra coscienza personale e società.  Le forme del pensare e del vivere del singolo si distanziano dalle forme del rapporto sociale; appunto a seguito di tale distanziamento finisce la stagione dell’umanità che sa stare in relazione con se stessa.

Gli uomini di oggi paiono perseguire l’obiettivo di vivere insieme senza necessità di accordarsi circa i significati elementari del vivere. L’obiettivo in realtà non è praticabile. La distanza tra coscienza e società produce una conseguenza inquietante: la coscienza individuale diventa più inquieta e insicura. Emerge la necessità che la politica, la cultura e la pastorale cristiana in tutte le loro forme dell’istruzione della coscienza mettano a fuoco le modalità della comunicazione e della cultura quotidiana e diano parola agli interrogativi muti che esse propongono; correggano in tal senso la tacita rimozione del riferimento alla verità dell’umano che le forme della relazione sociale correnti alimentano.

Direte, ma che isola è? di che si parla e di quali competenze ci dotiamo? Bella domanda! Anche per noi che la stiamo preparando è un tentativo di aprire una nuova pista; una nuova e forte provocazione a fare dei momenti formativi dei momenti di esplorazione della vita, del significato e dei comportamenti. Vi chiediamo di condividere con noi questo percorso in cui affronteremo temi di politica, di economia, di Chiesa, di lavoro di coesione sociale al fine di aprirci dei varchi di luce sulla nostra azione di coeducazione tra adulti in comunità. Sarà bello esserci. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*